FOTO DELLO STUDIO/ATELIER DELL'ARTISTA

Nasce a Finale Ligure nel 1985, vive e lavora a Bergeggi. Cresciuta sin da piccola tra opere di arte e design, architetto di formazione, decide nel 2012 di avviare la sua carriera artistica progettando opere dal forte impatto neo-costruttivista. Inizialmente, quasi fosse un’azione catartica, applica in maniera istintiva ed emotiva led e fili (le relazioni umane) sulla tela pura, che considera fonte primigenia di vita. Successivamente si dedica allo studio della geometria sacra, alla sequenza dei numeri legati alla natura e si confronta con diversi testi antichi. Da queste ricerche elabora opere che realizza con granulati disposti secondo varie forme concentriche, alcune delle quali rimandano ai Mandala tibetani. Nonostante ciò, l’istintività protagonista dei primi lavori prevale su quest’ultime indagini, tanto da riportarla a continuare la ricerca avviata inizialmente. Succede a questa una fase più espressionista in cui la tela non è più immacolata, ma è pervasa da materiali diversi e materici; l’artista adopera colori sfumati che riflettono le svariate intensità delle luci e dei colori del paesaggio ligure dove vive. Con la realizzazione del ciclo dei Sipari l’indagine prosegue su fenomeni direttamente collegati alla teoria del colore e alla complementarità cromatica. Oggi la sua ricerca approda all’unione di tutti gli studi precedentemente svolti in un ciclo di opere che unisce il minimalismo che tanto l’affascina agli approfondimenti di origine orientale, trasportando e incidendo il tutto su plexiglass.

Nonostante la breve carriera, ha già preso parte a diverse esposizioni e fiere italiane. Nel 2016 è stata inserita nel Dizionario degli artisti liguri edito da De Ferrari e nel 2016, 2017 e 2018 nell’Annuario d’arte moderna artisti contemporanei pubblicato da Acca Edizioni.

 

Mostre collettive

2017-2018 the dreamers - pietrasanta - debaser gallery

2017 Oltre il Giardino, visioni contemporanee. Mostra collettiva presso Galleria la Mongolfiera, Sanremo 

2016 Giorgio Laveri: collaborazioni, presso il complesso monumentale Priamar di Savona (SV)

2016, Antonio Murgia, Claudia Ventura, Giorgia Zanuso. Visioni d’arte, Resort e Spa Dominio Mare con il Patrocinio del Comune – Bergeggi (SV)

2016, Idee per una collezione, Palazzo della Cancelleria – Roma

2014, Astratta Tre, Fondazione Zappettini – Chiavari (GE)

 

Mostre personali

2018 #traccediluce - milano - Glauco cavaciuti arte

2017 Sipari, Biffi Arte - Piacenza (PC)

2016-2017, Luce Aurea: l’arte di Giorgia Zanuso, inQubatore Qulturale – Venaria Reale (TO)

2016 Transiti, Poleschi Arte – Pietrasanta (LU)

2016 Futuro Anteriore, Galleria Camelù – Roma

2015-2016 Ferite di luce, Res Publica - Galleria d’Arte Democratica – Venaria Reale (TO)

 

Testi critici

  • M.Vadalà, C.Castellini, in "Transiti" catalogo della mostra a cura di M. Vadalà 2017, Digital Book s.r.l., Cerbara-Città di Castello (PG)

  • M. Vadalà, Visioni d’arte, in “Antonio Murgia, Claudia Ventura, Giorgia Zanuso. Visioni d’arte”, catalogo della mostra a cura di Mariasole Vadalà, 2016, Digital Book s.r.l., Cerbara-Città di Castello (PG), pp. 3-4

  • R. Zelatore, Transiti, in “Transiti”, catalogo della mostra a cura di Riccardo Zelatore, 2016, Digital Book s.r.l., Cerbara-Città di Castello (PG), pp. 3-4

  • R. Zelatore, Vissuto e rappresentato, in “Futuro Anteriore. Fabbri, Fontana, Mondino, Munari, Scanavino, Zanuso”, catalogo della mostra a cura di Mariasole Vadalà, 2016, ACCA Edizioni, Roma, p. 3

  • M. Vadalà, Futuro Anteriore. Fabbri, Fontana, Mondino, Munari, Scanavino, Zanuso, in op. cit., pp. 4-5

  • M. Vadalà, Ferite di luce, in “Ferite di luce”, catalogo della mostra a cura di Mariasole Vadalà, 2015, Artcenter, Bernareggio (MB), pp. 3-4

  • A. Rigoni, Luce con tutto ciò che ne consegue, in “Astratta Tre”, catalogo della mostra a cura di Paolo Bolpagni, Francesca Guerisoli, Flavia Montecchi, Alberto Rigoni, Federico Sardella, 2014, Microart s.r.l., Recco (GE), p. 26

 

retoucheboutique@gmail.com

 

Tel: +39 3408047428 

 

Social Network:

  • Grey Facebook Icon
  • Grey YouTube Icona
  • Grey Instagram Icona
  • Grey Twitter Icon
  • Grey Pinterest Icon
  • Grey LinkedIn Icon
  • Grey Google+ Icona

Biography

She was born in Finale Ligure in 1985, lives and works in Bergeggi. She grew up since childhood between art and design. Graduated in architecture at the University of Genoa with 110/110 and praise, she decided in 2012 to start her artistic career designing works with a strong neo-constructivist impact. A the beginning as if it was a cathartic action, she instinctively and emotionally uses led and wires (human relationships) on pure canvas that she considers the primal source of life. Then she devotes herself to the study of sacred geometry, to the sequence of nature-related numbers, and she compares it with various ancient texts. From these researches she processes works she produces with granules arranged in various concentric forms, some of which refer to the Tibetan Mandala. However, the instinct of the first work prevails and the artist continues the research that began in the first period. This is a more expressionist stage in which the canvas is no longer immaculate, but is pervaded by different materials. The artist uses blurred colors that reflect the various intensity of the lights and colors of the Ligurian landscape where she lives. With the completion of the “Sipari” cycle, the survey continues on phenomena directly related to color theory and color complementarity. Today, her research comes to the union of all the studies previously carried out in a cycle of works that combines minimalism with circular forms of Oriental origin, carrying her art on plexiglass plates .Despite her short career, she has already participated in several Italian exhibitions and fairs. In 2016 she was included in the Dictionary of Ligurian artists edited by De Ferrari and in 2016, 2017  and 2018 in the Contemporary Artists' Contemporary Art Magazine published by Acca Edizioni.


 

Collective exhibitions

  • 2017-2018 the dreamers - pietrasanta - debaser gallery

  • 2017 Beyond the Garden, Contemporary Visions. Collective exhibition at Galleria La Mongolfiera, Sanremo

  • 2016 Giorgio Laveri: collaborations at the monumental complex Priamar di Savona (SV)

  • 2016, Antonio Murgia, Claudia Ventura, Giorgia Zanuso. Art Visions, Resorts and Spa Dominion Sea with the Patronage of the Common - Bergeggi (SV)

  • 2016, Ideas for a Collection, Palace of Chancellery - Rome

  • 2014, Astratta Tre, Fondazione Zappettini - Chiavari (GE)

 

Personal exhibitions

  • 2018 #traccediluce - milano - Glauco cavaciuti arte

  • 2017, Sipari, Biffi Art - Piacenza (PC)

  • 2016-2017, Luce Aurea: the art of Giorgia Zanuso, Incubatore culturale - Venaria Reale (TO)

  • 2016, Transiti, Poleschi Art - Pietrasanta (LU)

  • 2016, Future Front, Galleria Camelù - Rome

  • 2015-2016, Light Wounds, Res Publica - Democratic Art Gallery - Venaria Reale (TO)

 

Critical texts

  • M.Vadalà, C.Castellini, in the catalog of the exhibition "Transiti" by M. Vadalà 2017, digital book s.r.l., Cerbara-Città di Castello (PG)

  • M. Vadalà, Art Visions, in "Antonio Murgia, Claudia Ventura, Giorgia Zanuso, Visions of Art", exhibition catalog by Mariasole Vadalà, 2016, Libro digitale srl, Cerbara-Città di Castello (PG) p. 3-4

  • R. Zelatore, Transiti, in "Transiti", catalog of the exhibition by Riccardo Zelatore, 2016, Digital Book s.r.l., Cerbara-Città di Castello (PG), p. 3-4

  • R. Zelatore, “Lived and represented”, in "Future Front". Fabbri, Fontana, Mondino, Munari, Scanavino, Zanuso ", catalog of the exhibition by Mariasole Vadalà, 2016, ACCA Editions, Rome, p. 3

  • M. Vadalà, Future Front. Fabbri, Fontana, Mondino, Munari, Scanavino, Zanuso, p. 4-5

  • M. Vadalà, Light Wounds, in "Wounds of Light", catalog of the exhibition by Mariasole Vadalà, 2015, Artcenter, Bernareggio (MB), p. 3-4

  • A. Rigoni, Light with all that follows, in "Astratta Tre", catalog of the exhibition by Paolo Bolpagni, Francesca Guerisoli, Flavia Montecchi, Alberto Rigoni, Federico Sardella, 2014, Microart srl, Recco (GE), p. 26